Benvenuti

Dove la Brianza è più verde, meno disseminata di stabilimenti industriali, dove i paesi hanno ancora le vecchie case intonacate e si sente l'odore della campagna, trovate un ristorantino molto gradevole appena al di là del passaggio a livello: "dal Baffo, Cenacolo dei Pittori".

Osteria "della Pesa", una volta si chiamava così, quando ci è entrata l'amabile signora Silvia Villa, che aveva un negozio di prestinaio e alimentari a Paderno D'adda. Aveva una grande passione per la cucina, ereditata dal nonno che preparava in casa banchetti per matrimoni e cresime e aveva il genio dei risotti, da lei tutti imitati (ma quello alla milanese no, confessa, non è mai riuscita a farlo come lo faceva lui). 

Così, insieme al figlio Antonio, trasformano piano piano l'osteria in trattoria e poi in ristorantino con pretese di raffinatezza. Collaboratore per i vini il marito e padre, detto "Baffo": da cui il primo nome del locale. 

Il secondo nome viene da Arturo Tagliati, pittore, il quale, entusiasta della cucina, ha portato altri colleghi, creando così il... "Cenacolo".